Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_budapest

Dichiarazioni di valore

 

Dichiarazioni di valore

PREMESSA

1. La Cancelleria Consolare dell’Ambasciata d’Italia ha competenza unicamente per il rilascio di dichiarazioni di valore relative a Titoli di studio/professionali ungheresi rilasciati da istituti di istruzione secondaria/accademica o enti professionali ufficialmente riconosciuti, siti in Ungheria.


2. Coloro i quali fossero interessati al riconoscimento in Ungheria di titoli di studio conseguiti in Italia o altrove dovranno rivolgersi al “Centro per l’Equipollenza” del Ministero delle Capacità Umane (https://www.oktatas.hu/kepesitesek_elismertetese/meik_oldalak), che indicherà anche le modalità di traduzione degli stessi. Si precisa, ad ogni buon fine, che l’Ambasciata d’Italia non esegue le traduzioni di tali titoli di studio.


3. Per quanto riguarda le traduzioni in lingua italiana dei titoli di studio ungheresi per i quali viene richiesto il rilascio della Dichiarazione di valore, la Cancelleria Consolare puo’ accettare esclusivamente le traduzioni effettuate da traduttori certificati (OFFI, www.offi.hu) oppure da traduttori riconosciuti dall’Ambasciata d’Italia in Budapest (elenco disponibile sul presente sito, nella sezione ‘Traduttori ed interpreti’, http://www.ambbudapest.esteri.it/ambasciata_budapest/it/informazioni_e_servizi/servizi_consolari/traduttori-e-interpreti.html). Non possono essere autenticate le traduzioni effettuate dai diretti interessati o da altri traduttori.

TITOLI DI STUDIO/PROFESSIONALI UNGHERESI: PROCEDURA DI RILASCIO DELLA DICHIARAZIONE DI VALORE.

La procedura di riconoscimento in Italia dei titoli di studio ungheresi, sia per il proseguimento degli studi (scuola/Università), che per fini lavorativi, prevede da parte dell’Ambasciata d’Italia a Budapest il rilascio della "dichiarazione di valore in loco".

In tale documento, la Cancelleria Consolare dell’Ambasciata d’Italia dichiara il valore dei titoli di studio/professionali conseguiti in Ungheria, con riferimento all'ordinamento locale. Saranno, successivamente, le competenti Amministrazioni italiane (Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, Uffici Scolastici Provinciali, Università, ecc.) a dichiarare l'equivalenza (detta equipollenza) dei titoli stranieri ad analoghi titoli italiani.

Per poter rilasciare una “dichiarazione di valore” (DV) di un titolo di studio/professionale ungherese, occorre presentare una documentazione ad hoc, che di seguito si elenca:

• modulo di richiesta debitamente compilato e firmato (cliccare qui)
• Copie autenticate dei certificati originali, legalizzate per mezzo di Apostille;
• Traduzione del titolo originale effettuata da un traduttore certificato (v. sopra, al punto 3 della Premessa);
• Lettera di frequenza della scuola o dell’Università in originale, contenente le seguenti informazioni: nome, cognome e data di nascita, e il maggior numero di informazioni relative al corso (durata, modalità di frequenza, se era prevista una parte teorica e una pratica quantificabile in un monte ore, eventuali requisiti di ammissione).
• Se si esercita la professione in loco, lettera dell'ente preposto che confermi l'eventuale iscrizione all'albo professionale (n. di iscrizione e eventuale qualifica/livello).

PAGAMENTO O GRATUITA' DELLA DICHIARAZIONE DI VALORE

Se la Dichiarazione di valore viene richiesta:

1. per motivi di studio, il servizio è gratuito per tutti i cittadini stranieri e per quei cittadini italiani residenti all'estero in grado di dimostrare la propria residenza all'estero al momento della domanda (es.: iscrizione all'AIRE o certificato di residenza in Ungheria “Lakcímkártya”)

2. per motivi di lavoro, il servizio è a pagamento, sia per i cittadini italiani che per i cittadini stranieri.

TARIFFE CONSOLARI

Importi
Per ciascuna Dichiarazione di Valore rilasciata per motivi di lavoro si applica una tariffa consolare pari a c.ca HUF 12.600 (corrispondenti a 41 EUR).


Ricordiamo che la Cancelleria Consolare accetta pagamenti solo in HUF contanti.


351